Curiosità
Now Reading
Ghost of Tsushima: 10 cose che non sai
0

Ghost of Tsushima: 10 cose che non sai

by Antonello SantopaoloJuly 27, 2020

Nonostante sia stato rilasciato da meno di un mese un colosso come The Last of Us Parte 2, Sony non ha intenzione di lasciare la sua utenza scoperta durante il periodo estivo, non a caso il 17 luglio è arrivato sugli scaffali Ghost of Tsushima, sviluppato dai ragazzi della software house Sucker Punch Productions.

Ecco a voi 10 curiosità sull’ultima esclusiva della magnifica line-up di questa generazione su PlayStation 4.

  • Stando alle dichiarazioni degli sviluppatori, visto il contesto storico estremamente complesso in cui è ambientato il gioco, dove il focus principale sarà il tema della vendetta, il titolo sarà violento, sia per quanto riguarda la cut scenes, ma anche nel gameplay, difatti vedremo decapitazioni smembramenti e altre azioni cruente.

    Modalità in bianco e nero per omaggiare il regista giapponese Akira Kurosawa.

     

  • I ragazzi di Sucker Punch Studio promettono un gioco estremamente curato sotto il profilo tecnico, tanto da definirlo il canto del cigno della Playstation 4. Difatti è anche presente una modalità grafica totalmente in bianco e nero per omaggiare il regista giapponese Akira Kurosawa autore di opere che hanno molto influenzato lo sviluppo di questo titolo.

 

  • Il mondo di gioco dei ragazzi di Sucker Punch sarà il più grande mai creato, nientemeno più ampio di quello di Infamous: Second Son. Ogni luogo visibile sarà raggiungibile dal nostro personaggio, ma toccherà all’utente scoprire come raggiungere alcune zone poco accessibili.

 

  • Inizialmente la software house statunitense aveva pensato di creare un protagonista che fosse esistito realmente. tuttavia, alcuni storici interpellati per migliorare il contesto storico del titolo sconsigliarono la creazione di un personaggio storico che fosse esistito realmente, perché avrebbe in qualche modo disonorato la sua storia, e al tempo stesso avrebbe potuto causare problemi nell’opinione pubblica soprattutto di stampo giapponese.

 

  • In Ghost of Tsushima avremo fin da subito la possibilità di spostarci tramite l’ausilio del nostro cavallo. Tuttavia gli sviluppatori hanno fatto presente che il nostro corsiero sarà immortale: infatti durante i combattimenti correrà per ripararsi, per poi tornare una volta concluso gli scontri.

 

Ryusetsu Ide, maestro dell’arte della katana.

  • La produzione di Ghost of Tsushima si attesta a quella dei titoli tripla-A, tanto da sperimentare alcune tecnologie già impiegate in questo medium, ma questa volta in maniera davvero originale. Di fatto, è stato usato il motion-capture sui cavalli per replicarne i movimenti.

 

  • Oltre ad essere uno dei titoli più promettenti di questa generazione, gli sviluppatori hanno invitato degli esperti dell’arte della katana, ovvero Masakumo Kuwami e Ryusetsu Ide, due maestri di Kenjutsu, per replicare il più fedelmente possibile gli scontri in game.

 

  • Come The Last of Us Parte 2, anche Ghost of Tsushima ha ricevuto un omaggio da parte di un utente tramite il gioco Dreams (Lo ricordiamo, esclusiva Ps4 che permette ai giocatori di creare videogiochi). L’utente chiamato con lo pseudonimo di thrjoker594 ha ricreato fedelmente le atmosfere del gioco in questione, sfruttando proprio l’editor del gioco sandbox.

 

  • Visto, purtroppo, la situazione attuale che stiamo vivendo a livello globale a causa della crisi sanitaria dovuta alla presenza del COVID-19, abbiamo cambiato le nostre routine per adattarci in un mondo nuovo e come ben sapete un accessorio che proprio non possiamo fare a meno per noi stessi e al tempo stesso proteggere gli altri è la mascherina. L’utente di Reddit Cosmic_Quark ha stampato in 3D la maschera per il viso di Ghost of Tsushima che protegge effettivamente le persone dal virus. Come si suol dire, unire l’utile e il dilettevole.

What's your reaction?
Love It
100%
Interested
0%
Meh...
0%
What?
0%
Hate It
0%
Sad
0%
About The Author
mail2@gmail.com'
Antonello Santopaolo

Leave a Response