Curiosità
Now Reading
Minecraft non si ferma, superate le 200 milioni di unità!
0

Minecraft non si ferma, superate le 200 milioni di unità!

by Giorgio 'Gixerius' IzzoMay 21, 2020

11 anni e non sentirli

Minecraft ha superato gli 11 anni di età ma continua a macinare numeri da capogiro. In questi giorni, infatti, il gioco dei cubetti ha raggiunto e superato le 200 milioni di copie vendute, con più di 126 milioni di giocatori attivi al mese. Microsoft ha divulgato questi dati nello stesso momento in cui la saga di Mojang Studios celebra gli 11 anni dalla pubblicazione della prima build alfa.
Come avvenuto per altri videogiochi, la pandemia ha contribuito ad innalzare l’interesse rivolto verso questo titolo, con un aumento del 25% di giocatori durante lo scorso mese e picchi del 40% nelle sessioni multiplayer.

Minecraft aveva ottenuto le 100 milioni di copie distribuite nel 2016, e da allora il titolo non ha conosciuto alcun rallentamento. Nell’anno passato Minecraft si è nuovamente affermato come gioco più guardato su Youtube, generando una nuova ondata di interesse negli streamer e nei giocatori di vecchia data.Microsoft acquisì la Mojang circa sei anni fa pagando ben 2,6 miliardi di dollari. In quel momento il gioco aveva già venduto oltre 50 milioni di copie tra le varie piattaforme che lo ospitano. Fu un’ottima scelta da parte di Microsoft, considerando che le vendite e l’attenzione sul prodotto hanno continuato ad aumentare negli anni.

Nato come progetto fai-da-te, Minecraft fu inizialmente reso pubblico in Java. Il gioco catturò l’attenzione di tutti i creativi che sognavano di plasmare un proprio mondo immaginario con strutture e progetti unici, grazie alla versatilità dei blocchi. Si è poi sviluppata una grande community di appassionati, che condividono le proprie creazioni e ne pubblicano video tutorial su Youtube, raccogliendo milioni di visualizzazioni.

What's your reaction?
Love It
100%
Interested
0%
Meh...
0%
What?
0%
Hate It
0%
Sad
0%
About The Author
gixerius@yahoo.it'
Giorgio 'Gixerius' Izzo

Leave a Response