Intervista a Leonardo Della Bianca: Voce di Atreus in God of War

Informazioni sul gioco

Ci sono opere destinate a fare la storia del mondo videoludico, titoli che lasciano il segno sotto il profilo narrativo, per le innovazioni adottate e per il doppiaggio di pregevole fattura. Tra questi videogiochi non possiamo non menzionare God of War, Sviluppato da Santa Monica Studio e pubblicato dalla Sony per PlayStation 4 il 20 aprile 2018. Il titolo in questione è anche il vincitore dell’ambizioso Game of the Year ai The Game Awards 2018. Ricordiamo anche che God of War sbarcherà su PC il 14 gennaio 2022.

Oggi abbiamo l’opportunità di intervistare il doppiatore di Atreus, figlio di Kratos e co-protagonista del gioco, ovvero Leonardo Della Bianca. Questa ennesima testimonianza arricchisce la nostra rubrica delle interviste, che ormai vanta più di cinquanta ospiti di artisti impegnati dietro il mondo videoludico.

Chi è Leonardo Della Bianca

Intervista Leonardo Della Bianca

Leonardo Della Bianca nasce a Roma il 30 gennaio del 2003, fin da piccolo dimostra eccellenti capacità attoriali, tanto da partecipare a numerose pellicole cinematografiche.

Parallelamente alla sua carriera come attore, fin dalla tenera età si avvicina anche al mondo del doppiaggio.

 

 

Cosa ha doppiato?

Leonardo Della Bianca, nonostante la sua giovane età, ha doppiato numerosi film, tra cui menzioniamo Awake nei panni di Lucius Hoyos, Milo Parker in Mr. Holmes, Ed Oxenbould in The Visit.

Vanta anche numerose partecipazioni come attore in molte pellicole, come Il Bambino Cattivo, La Tempesta e il Padre e lo Straniero, e fiction trasmesse in RAI, quali Sorelle.
In ambito videoludico è la voce ufficiale di Atrues nella serie God of War.

Oggi siamo con lui per scoprire alcuni retroscena dietro il lavoro di doppiaggio del titolo targato Santa Monica Studio.

leonardo della bianca

Intervista a Leonardo Della Bianca

  • Cosa ti ha spinto a entrare nel mondo del doppiaggio?
    Tonino Accolla
    Tonino Accolla, storica voce di Eddie Murphy e Homer Simpson

Sono entrato nel mondo del doppiaggio a sette anni, a sei avevo fatto una parte in un film per il cinema. Da ragazzino non capivo bene cosa fosse né il doppiaggio, tanto meno recitare, perché quando sei piccolo per te è soltanto un gioco e non un lavoro.

Alcuni dei primi film che ho doppiato erano sotto la direzione del mitico Tonino Accolla, che in quei primi momenti mi ha insegnato tante cose e penso che sia anche merito suo se sono arrivato a questo punto della mia carriera.

Crescendo ho continuato sia a recitare che a doppiare, perché questi due mondi sono molto vicini. Verso i tredici anni, periodo in cui tutti i maschietti cambiano la voce, non avevo più una flessione vocale adatta ai ragazzini. In quel momento era molto complesso collocarmi in alcuni film da doppiare.

  •  Uno dei personaggi più significativi che hai doppiato nel panorama videoludico è sicuramente Atreus in God of War. Trattandosi di una personalità piuttosto controversa per via della sua storia e del suo temperamento, cosa puoi raccontarci del doppiaggio del primo capitolo?

Kratos e AtreusPrima del progetto God of War, non avevo mai doppiato un videogioco. Sono un videogiocatore, pertanto, quando mi hanno chiamato per fare il provino per un progetto importante, sono impazzito. Ho cercato in tutte le conferenze, sia Sony che Microsoft, quali videogiochi fossero usciti e se non sbaglio, poco prima del provino, avevo già ordinato la copia fisica di God Of War.

Arrivo in studio di doppiaggio e chiedo quale videogioco stessimo doppiando e mi rispondono: “God of War”. Rimango senza parole. Faccio questo provino e sia la mia voce che le voci degli altri doppiatori provinati con me vengono mandate agli studi di Santa Monica. Vinco il provino e lì inizia il bello, in quanto mi sono dovuto studiare il profilo del personaggio, poiché in questo videogioco la psicologia dei protagonisti è molto importante. Lo studio del personaggio è stato un processo lungo ma molto interessante.

  • Quali sono le caratteristiche i consigli che daresti a nuovi e aspiranti doppiatori?

Ovviamente oltre la dizione, è di metterci passione nel doppiare e divertirsi. Spesso si pensa al doppiatore come la persona con la bella voce, ma non basta perché vedo il

Andre Johnson Jr Black-Ish
Andre Johnson Jr della serie Black-Ish

doppiatore molto simile all’attore. L’attore mentre recita si diverte e ci mette il cuore, quindi consiglio questo approccio a tutti quelli che vogliono iniziare a fare doppiaggio.

  • Qual è stato il personaggio più difficile da interpretare? E a quale sei più affezionato?

Sicuramente Atreus perché ha un carattere particolare e molto complicato e poi, come ben sapete, parla in continuazione. Inoltre, visto che Atreus si esprime anche con il linguaggio delle rune è stato veramente complicato. Per quanto concerne invece il personaggio a cui sono più affezionato, oltre Atreus, è Andre Johnson Jr della serie Black-Ish una sit-com americana che ormai doppio da otto anni. Spesso mi capita di doppiare alcuni film con lo stesso attore, quindi non vorrei sbagliarmi, ma sono la sua voce ufficiale italiana.

  • Noi ti ringraziamo per la tua disponibilità, ma prima di andare vorremmo sapere un curioso aneddoto sul doppiaggio di God of War.

Come ben sapete In God of War ci sono degli enigmi molto semplici. Il videogiocatore non sa a volte come procedere, quindi Atreus deve spiegare come muoversi in quell’enigma. Atreus si pronuncia in maniera sempre diversa e gradualmente in modo più facile al fine di garantire il proseguo di quella situazione.

Ricordo che volevamo metterci come easter egg, dopo un numero di volte in cui aiutavo il giocatore, una roba in romanaccio del tipo “Ao te voi move”. Ovviamente non l’abbiamo fatto perché a Santa Monica si sarebbero molto arrabbiati.

Facebook Comments
What's Your Reaction?
Excited
4
Happy
2
In Love
1
Not Sure
0
Silly
1

Articoli Correlati


© Copyright © 2019 videogiochitalia.it All Rights Reserved