Articoli
Now Reading
The Outer Worlds: tutto quello che sappiamo fino ad ora
0

The Outer Worlds: tutto quello che sappiamo fino ad ora

by Giorgio 'Gixerius' IzzoOctober 14, 2019

In arrivo il 25 ottobre, andiamo a dare un’occhiata a quelle che sono le caratteristiche principale del nuovo gioco degli Obsidian, dal titolo The Outer Worlds.

Tra humor nero e libertà di scelta

Il gioco si svolge prevalentemente su Alcyon, un pianeta-colonia ai confini della galassia soggiogato alle grandi corporazioni, che ne hanno impedito uno sviluppo equo e democratico. Questa situazione sarà fonte di ispirazione per una trama ricca di humor nero e critica sociale. In una delle prime missioni, ad esempio, verremo assoldati da un’azienda produttrice di salsicce per eliminare il capo della compagnia rivale, usando qualsiasi mezzo necessario. L’anima GdR di The Outer Worlds è preponderante e, infatti, la libertà di movimento nelle varie situazioni sembra veramente ampia: possiamo entrare dalla porta principale nell’edificio dell’azienda concorrente oppure cercare un accesso secondario più discreto. Per sfruttare alcuni passaggi potrebbero essere necessarie delle abilità specifiche come, ad esempio, un alto livello di scassinamento. A rendere ancor più varia l’esperienza di gioco ci pensano alcuni gadget, uno strano strumento ci permette di proiettare su noi stessi una sorta di ologramma che ci fa apparire travestiti da dipendenti, consentendoci di passare inosservati. Non è possibile abusare di questi strumenti, poichè il loro uso è limitato. Se dovessimo essere incapaci di muoverci con discrezione, sarà possibile evitare i conflitti a fuoco grazie al complesso sistema di dialoghi ideato dagli sviluppatori. Oltre alle solite opzioni di persuasione, intimidazione e così via potremmo essere aiutati dai nostri companion, i quali possono inserirsi volontariamente nelle conversazioni per dare indicazioni, impressioni e consigli. Per tornare all’esempio precedente, potremmo optare per una soluzione non letale qualora le nostre abilità oratorie fossero ben sviluppate, convincendo il produttore capo di salsicce a suon di parole piuttosto che di proiettili.

Gameplay ed il “sistema di difetti”

The Outer Worlds si può classificare come un GdR in stile Fallout, ma il gioco non disdegna numerosi scontri a fuoco. Gli sviluppatori di Obsidian hanno comunque innestato una forte componente ruolistica e tattica nei combattimenti. Per iniziare, oltre alla personalizzazione del personaggio troviamo quella delle armi: ogni cambiamento comporta variazioni nella quantità e tipologia di danno. In maniera simile ad altri giochi, è possibile rallentare il tempo investendo una barra di consumabile, per poi scegliere quale parte del corpo dell’avversario colpire in funzione del danno arrecato. Potremmo decidere di colpire la testa per mettere a segno un colpo critico, oppure ferire le gambe per ridurre la velocità del nemico. Durante i combattimenti i nostri companion saranno molto autonomi e, al momento, non si sa quali indicazioni possano ricevere. Un’idea davvero innovativa partorita da Obsidian è il sistema di difetti: mettiamo caso di essere stati ripetutamente colpiti da un nemico, il gioco ci offre di aumentare una statistica utile a cavarcela in quel momento al prezzo di un malus permanente inflitto al nostro personaggio (ad esempio potremmo diventare più veloci e quindi bravi a scappare ma meno abili a sparare). Dato che The Outer Worlds punta a darci un’enorme libertà di scelta, questa gentile offerta può essere accettata o rifiutata.

Stile grafico e comparto tecnico

Per quanto l’Unreal Engine 4 abbia reso una buona grafica, il budget limitato mostra un comparto tecnico non particolarmente avanzato. I modelli poligonali appaiono realistici, ma le animazioni risultano purtroppo legnose sia nei combattimenti che nei dialoghi. C’è da dire, però, che la direzione artistica contribuisce a rendere meno influenti i limiti tecnici: a fianco di uno stile post-apocalittico troviamo ottimi dialoghi che ben caratterizzano questo mondo. Non è ancora chiaro quanto sia grande la mappa di gioco, così come la longevità della campagna principale resta un’incognita (si vocifera di 30-40 ore ma non è dato sapere se questa stima tenga conto o meno delle missioni secondarie).

The Outer Worlds esce il 25 ottobre 2019 su PC (esclusiva temporanea per l’Epic Games Store), PS4 e Xbox One. Una versione per Nintendo Switch è prevista ma con data di uscita ancora da annunciare.

What's your reaction?
Love It
100%
Interested
0%
Meh...
0%
What?
0%
Hate It
0%
Sad
0%
About The Author
gixerius@yahoo.it'
Giorgio 'Gixerius' Izzo

Leave a Response