Doom Eternal: Mick Gordon accusa il produttore esecutivo di mentire sui problemi della soundtrack

Mick Gordon Doom
Informazioni sul gioco

Il compositore Mick Gordon ha accusato il produttore esecutivo di Doom Eternal Marty Stratton di mentire sulle circostanze problematiche riguardo la colonna sonora.

Gordon lancia le sue accuse sul blog di Medium. Queste sono mosse a respingere una lettera aperta su reddit di Stratton che raccontava la travagliata situazione sulla colonna sonora ufficiale di Doom Eternal.

Vediamo insieme cosa è successo.

OST Doom Eternal: è scontro tra Mick Gordon e Marty Stratton

Sebbene molti fan abbiano apprezzato la colonna sonora, Stratton parla nella sua lettera delle speculazioni e delle critiche ricevute. Tutto nasce dal fatto che il compositore del gioco, Mick Gordon, abbia editato e mixato solo 12 delle 59 tracce della colonna sonora. Il resto è stato modificato dal Lead Audio Designer degli studi Id.

Da quanto scrive Gordon, Marty Stratton ha mentito sulle circostanze della colonna sonora di DOOM Eternal e ha usato disinformazione e insinuazioni per incolparlo del fallimento.

Stratton, prima di dire la sua, ci tiene a precisare quanto segue:

“Alcuni hanno suggerito che siamo stati negligenti o irrispettosi nei confronti della musica del gioco. Altri hanno ipotizzato che a Mick non sia stato concesso il tempo o la libertà creativa per offrire qualcosa di diverso o migliore. Il fatto è che niente di tutto ciò è vero.”

Stratton prosegue dicendo di sentire il bisogno di parlare in difesa non solo del Lead Audio Designer, ma anche di tutti coloro che hanno lavorato al progetto. Raccontando la sua versione dei fatti continua così:

“Il 24 febbraio, Mick ha contattato per comunicare che lui e il suo team stavano bene con i termini dell’accordo, ma che c’era molto più lavoro da fare del previsto. Si è scusato e ha chiesto che “idealmente” gli fossero concesse altre quattro settimane per mettere tutto insieme. La richiesta di Mick è stata accolta, consentendo un’estensione.”

Purtroppo pare che anche la proroga non sia bastata. All’inizio di marzo, tramite l’account Twitter ufficiale di Doom, si comunica che la colonna sonora di DOOM Eternal sarebbe stata posticipata.

A questo punto, Stratton afferma:

“Quando siamo arrivati ​​ad aprile, siamo diventati sempre più preoccupati per il fatto che Mick ci consegnasse l’OST in tempo. Ho chiesto personalmente al nostro Lead Audio Designer d’ID, Chad, d’iniziare a lavorare sulle versioni Id delle tracce: un piano di riserva nel caso in cui Mick non fosse in grado di consegnare in tempo.”

La risposta di Gordon sul blog

Il post di Gordon afferma che dopo essersi opposto a Stratton accusandolo pubblicamente per lo stato della colonna sonora di Doom Eternal e aver presentato prove che minano le accuse, gli avvocati che rappresentano Zenimax e Stratton hanno deciso di accordarsi.

Dopo quello che Gordon descrive come un processo inutilmente lungo, Zenimax ha offerto una somma a sei cifre subordinata al fatto che il post di Stratton su Reddit rimanesse in piedi e Gordon non parlasse della situazione o denigrasse Stratton o Zenimax.

Ma il compositore ha voluto comunque dire la sua. Mick Gordon afferma che non è ancora stato pagato per la metà della musica di Doom Eternal e ha subito molestie prolungate e minacce di morte. Questo perché la lettera di Stratton su reddit gli ha attribuito i problemi del ritardo.

Dando la sua versione dei fatti sul blog Medium, Gordon è molto dettagliato quando parla di date e accordi. Afferma inoltre di essersi accordato con Stratton per leggere la bozza della sua lettera aperta, ma non gli è mai arrivata.

Gordon rilascia la sua dichiarazione nell’intento di esercitare il diritto a difendersi. Il compositore afferma quanto segue:

La dichiarazione di Stratton era piena di bugie, disinformazione e insinuazioni e, quando contestata, la sua azienda mi ha offerto una somma a sei cifre per tacere. Per quanto mi riguarda, la verità e l’onestà sono più importanti. Le parole di Marty hanno danneggiato me e attaccato la mia reputazione. Gli ho offerto ampie opportunità di affrontare questo problema, ma il suo rifiuto di farlo non mi ha lasciato altra scelta che rilasciare questa dichiarazione.”

Non sappiamo quale delle due parti coinvolte abbia ragione, né vogliamo speculare sulla questione. Speriamo solo che questo non diventi un nuovo caso simile a quello di Hellena Taylor su Bayonetta 3.

Bethesda non accetta le accusa di Mick Gordon

Come era normale aspettarsi, anche Bethesda ha voluto dire la sua sulla faccenda. L’azienda statunitense rigetta le accuse mosse da Mick Gordon contro ID Software e lo dichiara in un comunicato ufficiale su twitter.

Come quanto riportato, Bethesda dichiara che il recente post di Mick Gordon ha caratterizzato negativamente e ha mal rappresentato il team di ID Software, lo sviluppo di DOOM Eternal, Marty Stratton e Chad Mossholder. Non approva il racconto unilaterale e scorretto di un rapporto professionale ormai irrecuperabile.

Per questo motivo da Bethesda decidono di schierarsi con ID Software e Marty Stratton:

Siamo a conoscenza di tutti i dettagli di questa storia e diamo il nostro supporto incondizionato a Marty, Chad e il team di ID Software. Rigettiamo la distorsione della verità e la presentazione di fatti parziali opportunamente selezionati. Siamo pronti a mostrare prove complete e documentate nelle sedi appropriate se necessario.”

 

Facebook Comments
What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Articoli Correlati


© Copyright © 2019 videogiochitalia.it All Rights Reserved