Prince of Persia: The Lost Crown – Recensione di un’avventura epica da non perdere

Prince of Persia The Lost Crown Recensione
Informazioni sul gioco

Prince of Persia: The Lost Crown è un titolo che ha saputo catturarci dalle prime fasi di gioco, grazie a una storia coinvolgente, un protagonista affascinante e un sistema di gioco che combina abilmente esplorazione e combattimento.

Il gioco di Ubisoft riporta all’origine il suo franchise, riuscendo però a conciliarlo con uno stile moderno ispirato agli iconici Castlevania e Metroid – come spieghiamo nel nostro articolo di recap.

Dopo aver provato il gioco alla Milan Games Week 2023 e concluso la nostra avventura su Nintendo Switch, durata circa 15 ore, siamo pronti a condividervi il nostro parere.

Storia intrigante

Come sempre, parleremo della storia del gioco evitando Spoiler, quindi proseguite la lettura senza preoccupazioni.

La trama di Prince of Persia: The Lost Crown è avvincente e ricca di misteri che verranno risolti nel proseguire della storia principale – e qualche volta con un po’ di esplorazione.

Sin da subito si assume il ruolo di Sargon, guerriero coraggioso determinato a recuperare la corona perduta del suo regno. Attraverso una serie di ambientazioni ricche di dettagli, ci siamo trovati immersi in un viaggio emozionante, scoprendo segreti antichi e affrontando pericoli mortali lungo il cammino.

La storia, seppur non brillante di originalità, è ben scritta ed è riuscita a tenerci incollati fino al finale giunto dopo un ultimo combattimento davvero epico. Fino all’ultimo siamo quindi rimasti in attesa di sapere come si sarebbe conclusa la storia di Sargon, ormai affezionati.

Prince of Persia The Lost Crown Recensione

Un carismatico protagonista

Sargon è un protagonista carismatico e tridimensionale, con pregi e difetti, che ha catturato la nostra attenzione fin dal primo istante.

Con la sua determinazione e coraggio, Sargon si rivela un personaggio a cui è facile affezionarsi. La sua crescita e sviluppo nel corso del gioco sono affascinanti da seguire.

Sargon ha così saputo presentarsi immediatamente come uno dei migliori protagonisti di tutto il brand, ma non è il solo personaggio interessante incontrato nel corso della storia.

Interessanti comprimari

Oltre al protagonista, Prince of Persia: The Lost Crown presenta personaggi secondari ben sviluppati che arricchiscono la narrazione. Ogni comprimario è contraddistinto dalla propria personalità, motivazioni e ruolo nella trama. Con alcuni di loro in particolare è stato più facile affezionarsi.

Le interazioni con questi personaggi non spezzano eccessivamente il ritmo del gameplay, offrendo intermezzi molto godibili e approfondendo ulteriormente l’immersione nel mondo di gioco.

Il mondo di Prince of Persia: The Lost Crown

Visto che lo abbiamo accennato, parliamo del mondo di gioco.

Prince of Persia: The Lost Crown presenta un sistema di esplorazione ispirato ai grandi classici come Metroid e Castlevania. Pur riportando il titolo alle origini, è adesso da considerare un Metroidvania a tutti gli effetti.

Si ha l’opportunità di esplorare un vasto mondo aperto, ricco di segreti e passaggi nascosti, tutti stimolanti da cercare e scovare. Man mano che si acquisiscono nuove abilità e strumenti si aprono nuove aree da esplorare e gli enigmi diventano sempre più intriganti.

L’elemento di progressione non lineare offre una sensazione di scoperta continua e ha stimolato più volte la nostra curiosità. Nonostante ciò, esplorare presenta un ritmo di gameplay più leggero rispetto ai combattimenti; questo potrebbe risultare spiazzante inizialmente.

Per fortuna, anche l’esplorazione può offrire il giusto brio.

Prince of Persia The Lost Crown Recensione

Enigmi e puzzle

Durante l’avventura ci siamo trovati ad affrontare una varietà di enigmi e puzzle ambientali davvero intricati.

Queste sfide richiedono intuizione, logica e un’attenta osservazione dell’ambiente circostante. Risolvere tali enigmi offre una grande soddisfazione e fa avanzare la trama in modo significativo.

Prince of Persia convince anche negli scontri

Gli scontri di questo nuovo capitolo di Prince of Persia sono l’elemento che più ci ha convinto di tutto il pacchetto.

Il sistema di combattimento di The Lost Crown richiede abilità, tempismo e strategia – soprattutto alle difficoltà più alte.

È fondamentale saper schivare e contrattaccare i giusti attacchi per ottenere il massimo vantaggio durante le battaglie, così da non trovarci immobili verso attacchi imparabili e saper sfruttare l’attacco nemico per finire gli avversari con una delle spettacolari mosse finali.

Questo aspetto del gioco offre una sfida appagante, che spingerà i giocatori ad affinare le proprie abilità e imparare dai propri errori per progredire, sia contro i nemici base che contro i Boss; quest’ultimi offrono sfide davvero interessanti.

Ogni vittoria è gratificante e si ha una reale sensazione di crescita come combattente. Nonostante la pericolosità dei nemici sia relativamente alta, anche a livelli medi di difficoltà non serve però disperare, grazie alle opzioni di accessibilità offerte per i neofiti – o per chi vuole semplicemente godersi un’avventura rilassante.

Prince of persia the lost crown recensione

L’accessibilità di Prince of Persia 

Prince of Persia: The Lost Crown offre diverse opzioni di accessibilità, che consentono ai giocatori di personalizzare la difficoltà del gioco in base alle proprie esigenze.

Queste opzioni mirano a rendere l’esperienza di gioco accessibile e gratificante per una più ampia gamma di giocatori. Tra le più significative opzioni di accessibilità troviamo:

  • Diversi livelli di difficoltà: che ci permettono di scegliere anche il quantitativo di danni dei nemici
  • Aiuti e Suggerimenti: per aiutare i giocatori a superare quei punti più ostici come la risoluzione di enigmi
  • Opzioni di navigazione e mappa: grazie a una mappa interattiva, chiara e concisa, è più difficile perdersi
  • Tempi di reazione estesi: per i giocatori che hanno bisogno di più tempo per eseguire azioni o rispondere a eventi rapidi nel gioco

Nonostante la possibilità di adattare la difficoltà al livello del giocatore, basterà un po’ di pratica per padroneggiare lo stile di combattimento, e se si comprende subito come evolvere a dovere il nostro protagonista sarà ancora più facile affrontare l’avventura.

Progressione del personaggio e abilità speciali

Man mano che si avanza nella storia, Sargon acquisisce abilità speciali sempre nuove.

Queste abilità includono acrobazie spettacolari, combattimento avanzato e l’uso di strumenti speciali. Questi giocano un ruolo fondamentale nel gameplay, consentendo al nostro eroe di superare ostacoli, affrontare nemici più impegnativi e scoprire nuove aree del mondo.

La progressione del personaggio offre una sensazione di crescita e potenza che rende il gameplay sempre più appagante.

Alle abilità si uniscono anche una serie di amuleti, da collocare come ciondoli sulla collana del protagonista, che forniscono effetti vari – come ottenere più vita o arrecare più danno. Tutto è pensato per offrire ai giocatori numerose opzioni e permettergli di proseguire potenziando le abilità più utili al suo stile di gioco.

prince of persia the lost crown provato anteprima demo milan games week 2023 ubisoft requisiti edizioni prezzo

Grafica e atmosfera coinvolgenti

A giocare un ruolo fondamentale nel coinvolgimento è stata una grafica di alta qualità, anche se giocato in modalità Portatile su Switch, che ha reso ogni ambiente e ogni dettaglio visivamente sbalorditivo.

Non bisogna aspettarsi il fotorealismo degli scenari di titoli come Lies of P o Resident Evil 4, di cui trovate le nostre recensioni sul canale YouTube, ma la grafica è convincente, con le ambientazioni variano da antichi templi e città in rovina a paesaggi mozzafiato. Tutto ciò crea un’atmosfera coinvolgente e immersiva.

La musica e gli effetti sonori contribuiscono ulteriormente a creare un’esperienza audiovisiva fuori dal comune. Su Nintendo Switch non ci divertivamo tanto nell’esplorare da Super Mario RPG Remake.

Perché giocare Prince of Persia su Nintendo Switch? 

Prince of Persia: The Lost Crown ha dimostrato di essere una Killer Application che ci ha permesso di giocare con comodità ovunque su Nintendo Switch Oled.

Abbiamo iniziato la nostra recensione giocando con la console ibrida nel relativo Dock Nintendo, sfruttando un Joypad compatibile che trae ispirazione dai controller del Super Nintendo – e con il quale abbiamo giocato e finito anche il DLC di Resident Evil 4 Remake e UFO Robot Goldrake su PC – ma il gioco ci ha talmente tanto preso da continuare la nostra sessione in modalità portatile.

Sdraiati comodamente al letto o adagiati pigramente sul divano, The Lost Crown ha retto bene sulla console Ibrida e ci ha permesso di giocare per ore senza che quest’ultima si surriscaldasse o scaricasse troppo velocemente.

L’impatto visivo su schermo HD è chiaramente migliore, ma i dettagli degli scenari e dei nemici erano ben visibili anche in portatile. Persino i Joycon, scomodi nella maggior parte dei casi, hanno saputo essere un’ottima alternativa ai Pad più ergonomici.

Sarà la natura Platform 2D o i comandi ben distribuiti, ma se avete più di una console e non sapete dove giocare il nuovo Prince of Persia vi consigliamo di acquistarlo su Nintendo Switch.

Prince of Persia The Lost Crown Recensione Nintendo Switch

Le nostre conclusioni su Prince of Persia: The Lost Crown

Prince of Persia: The Lost Crown è un gioco che offre un’esperienza completa, combinando una trama coinvolgente, un gameplay stimolante e una presentazione visiva e sonora di alta qualità, che non promette niente di veramente nuovo, ma impacchetta tutto in modo sublime.

Consigliamo vivamente il nuovo Prince of Persia a tutti coloro che cercano un’esperienza di gioco avvincente e coinvolgente che li terrà incollati allo schermo fino all’ultimo momento.

Facebook Comments
Prince of Persia The Lost Crown Recensione
0
Amazing
85100
Pros

Gameplay avvincente e variegato

Atmosfera molto coinvolgente

Progressione del personaggio semplice e ben strutturata

Cons

Il ritmo delle esplorazioni cozzano con quello degli scontri

Poca rigiocabilità

Articoli Correlati


© Copyright © 2019 videogiochitalia.it All Rights Reserved

Scroll To Top