Recensione Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge

teenage mutant ninja turtles shredder's revenge

Arriva Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge, picchiaduro a scorrimento che ci fa tornare bambini. Vestendo i panni delle tartarughe più famose della TV ci verrà chiesto di salvare il mondo dalla vendetta di Shredder.

Il gioco è disponibile dal 16 giugno 2022 per PC, Xbox One e PS4, ma giocabile in retrocompatibilità anche su Xbox Series X|S e PS5.

Siete pronti ad affrontare il suo Clan del Piede? Ecco la nostra recensione.

Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge – Un salto nel passato

Quando il gioco è stato annunciato, dallo spettacolare trailer fino al Limited Run Games Showcase, sembrava di rivivere uno spot degli anni ’90.

I ricordi hanno preso in un attimo il sopravvento e l’effetto nostalgia ha rapito il cuore di tutti i fan. Sembrava di rivivere gli anni d’oro delle sale giochi, dove i ragazzi si riunivano per giocare dopo la scuola, e dove non mancavano i giochi delle tartarughe ninja.

Teenage Mutant Ninja Turtles: The Arcade Game è stato uno dei primi giochi in Italia a offrire la possibilità di giocare con quattro giocatori contemporaneamente. Questo, insieme alla grafica accattivante, lo rese uno dei giochi più amati di tutti i tempi.

Non a caso arrivarono sequel e porting casalinghi.

E poi, erano le Tartarughe Ninja! I personaggi creati da Kevin Eastman e Peter Laird hanno in poco tempo monopolizzato il mercato, soprattutto dei giocattoli, arrivando a competere – e superare – le vendite di He-Man and the Masters of the Universe e dei Transformers.

Ma il titolo è solo un mero tentativo per far sborsare soldi ai nostalgici? Assolutamente no.

Giocare con le Tartarughe Ninja nel 2022

Shredder’s Revenge è un gioco moderno, ma sembra arrivato direttamente da uno show televisivo anni ’80. Per essere più precisi, da quella perla che fu Tartarughe Ninja del 1987 – da noi arrivata qualche anno dopo.

Pubblicato da Dotemu, Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge attinge sia dai giochi che dalla serie TV, riportando su schermo le epiche lotte tra Leonardo, Donatello, Raffaello e Michelangelo contro Shredder, Krang e il Clan del Piede lungo le vie di New York City. La città è qui divisa in 16 livelli (tratti dai titoli precedenti), in un tripudio di botte, divertimento e pizza.

Il gioco ha come sfondo luoghi famosi già visti nel cartone animato e nei vecchi titoli. Troviamo la redazione di Channel 6 piena di ninja, la metropolitana sotterranea dove i topi regnano, il Museo di Storia Naturale dove i Triceraton si nascondono tra i reperti, e lo zoo, dove incontreremo qualche personaggio secondario dimenticato.

Ogni livello è infatti disseminato di easter egg e personaggi famosi e non del franchise. Non vi spoileriamo nulla per non rovinare la sorpresa.

Ciò che è importante è l’incredibile abilità degli sviluppatori di Tribute Games nel creare qualcosa di nuovo pur mantenendosi in linea con il gioco arcade del 1989 e il sequel Teenage Mutant Ninja Turtles: Turtles in Time del 1991 – ritenuto il migliore in assoluto fino a oggi.

Il Gameplay

Ma com’è il gioco? Colorato, pieno d’azione e stracolmo di strizzatine d’occhio e cenni ai giochi arcade che lo hanno ispirato, ma dai quali sa intelligentemente distaccarsi.

Di base i picchiaduro a scorrimento erano progettati per essere tanto difficili da far perdere più possibile i videogiocatori, ma qui non è così. Le Tartarughe Ninja, insieme al maestro Splinter e gli amici April e Casey, possono muoversi liberamente su schermo, senza limitazioni. Saltando più agilmente, rotolando e schivando senza difficoltà il gameplay diventa più fluido e più bello dei predecessori.

Quando si è circondati da nemici, o si viene bersagliati da determinati attacchi che invadono lo schermo, non si dovrà rimanere immobili attendendo il proprio crudele destino, ma si potrà evitare agilmente l’attacco. E contrattaccare, ma questo si padroneggerà con la pratica.

I nemici saranno comunque agguerriti e pronti a sbarrarci la strada, ma grazie alle combo, i colpi in salto, i montanti e le tecniche speciali (capaci di spazzare via decine di nemici), sarà interessante affrontare i vari gruppi dei variegati avversari.

Ognuno dei personaggi selezionabili è un mix diverso di Forza, Velocità e con diversi Raggi d’azione. Questo ci permetterà di scegliere chi si sposa meglio col nostro stile di gioco, oppure farà da metro di giudizio per creare un team più completo e variegato.

A parte queste aggiunte, questo è ancora lo stesso tipo di gioco che i fan dei vecchi cabinati arcade conoscono e amano.

Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge – Pro e Contro

Pur avendo 16 differenti livelli di gioco, questi purtroppo sono divisi in due grandi tipologie. Abbiamo i livelli classici, in cui gli eroi si spostano da sinistra a destra e combattono tutto ciò che si muove fino al boss di fine livello, e i livelli con l’hoverboard. Quest’ultimi sono i più impegnativi, molto più frenetici, saturi di nemici e con i movimenti limitati a causa dello skate che abbiamo sotto i piedi. I migliori livelli per perdere vite.

Abbiamo due modalità di gioco: Arcade e Storia. Entrambe offrono tre livelli di difficoltà: facile, medio e difficile.

La modalità Arcade è l’esperienza classica, con vite limitate e nessun salvataggio. La modalità Storia è più semplice, non ha limiti di vita e permette di progredire nella storia su di una mappa con vista dall’alto pixelata – che sembra una citazione al più celebre Teenage Mutant Hero Turtles (a causa della censura) per NES.

TMNT Shredder's revenge

Nella modalità Storia sarà possibile completare missioni secondarie per ottenere punti che sbloccheranno nuove abilità per ogni personaggio. La progressione della storia e le abilità vengono salvate tra le sessioni di gioco. Nell’Arcade si ricomincia dal punto di partenza e non si avranno potenziamenti sbloccabili.

Nonostante sia molto ripetitivo, cosa che potrebbe svogliare i giocatori meno interessati ai Beat ‘em up, è un titolo talmente tanto buono a livello tecnico che non si vede l’ora di ritornare in azione per le vie di New York a salvare la giornata a colpi di Nunchaku e Pedate.

Punto forte del gioco è sicuramente la colonna sonora, abile insieme di remix di brani familiari dei giochi originali insieme a qualche novità. Tra i brani completamente nuovi troviamo pezzi di Ghostface Killa e Mega Ran.

Per non parlare della difficoltà: il team di sviluppatori di Tribute Games ha svolto un ottimo lavoro nel ridimensionare la difficoltà con più giocatori, aggiungendo più nemici e aumentando la loro aggressività con ogni nuovo giocatore che entra in partita.

Questo offre nuovi livelli di sfida che possono spingere i giocatori a rigiocarlo con amici. Magari così si potranno provare i devastanti attacchi di squadra.

In Definitiva

Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge è esattamente come appare: una rivisitazione realizzata con minuzia e amore dei picchiaduro a scorrimento arcade delle Tartarughe Ninja. Ma bisognava aspettarselo da uno dei migliori sviluppatori di Beat’Em Up del settore oggi.

Non siamo di fronte al Game of the Year, ma è il gioco perfetto da possedere per quando, con un gruppo di amici, si vuole giocare a qualcosa di semplice, divertente e che può essere comodamente completato in una sola serata, o magari due.

Purtroppo la fatica inizia a farsi sentire verso la fine della campagna, dove la ripetitività diventa più forte e iniziano a pesare le ore di gioco. Ne bastano due e una manciata di minuti per completare la campagna – ma nonostante tutto è un gioco che presenta davvero pochissimi difetti.

Lo stile pixellato cartoonesco, la varietà dei nemici e dei personaggi e le musiche di accompagnamento, assieme ad un comportato tecnico di alto livello, lo rendono davvero un gioco superlativo.

Il costo non è nemmeno proibitivo. Come si può vedere sullo store Nintendo, si aggira sui 25 euro, stessa cifra per le altre piattaforme. Assolutamente consigliato a tutti gli amanti del genere, ma consigliamo anche ai non fan di dargli una possibilità. Soprattutto se consideriamo che l’Xbox Game Pass lo offre gratuitamente ai possessori dell’abbonamento.

Facebook Comments
teenage mutant ninja turtles shredder's revenge
0
Amazing
85100
Pros

Tecnicamente fantastico

Stupendo nell'aspetto e meraviglioso nell'accompagnamento

Divertimento garantito a tutte le età

Cons

Poca longevità

Alla lunga ripetitivo

Manca Usagi Yojimbo!!!

What's Your Reaction?
Excited
0
Happy
1
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

Articoli Correlati


© Copyright © 2019 videogiochitalia.it All Rights Reserved