LEGO 2K Drive recensione – torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio

LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio
Informazioni sul gioco

LEGO 2K Drive è un racing game open world sviluppato dallo studio Visual Concepts, ben conosciuto per franchise sportivi su licenza come WWE 2K e NBA 2K.

Sono anni che vediamo le auto e i veicoli LEGO sfrecciare come ospiti nei circuiti e nelle strade a mondo aperto di Forza Horizon di Turn 10, e The Crew di Ubisoft, accessibili come DLC, e 2K ha ben pensato di fare un gioco a sé stante.

Il gioco è uscito da un po’ e, ora che sta per essere offerto gratuitamente ai possessori di abbonamento PlayStation Plus Essential, siamo ritornati a Mattonia per vedere come vanno le cose.

Come procedono le stagioni? I contenuti sono vari e abbondanti? E le microtransazioni e il Season Pass? Scopriamo tutto questo nella nostra recensione rodata di LEGO 2k Drive.

LEGO 2K Drive recensione – introduzione

Come dicevamo in apertura, si tratta di un gioco racing open world, esattamente come Forza Horizon ma con un’attenzione particolare alla personalizzazione e forte componente LEGO. Come ci si aspetterebbe da un gioco ambientato nell’universo LEGO, c’è una forte enfasi sulla realizzazione di veicoli custom, con il gioco che offre oltre migliaia di mattoncini LEGO unici per consentire ai giocatori di sfoggiare la loro creatività e di costruire il veicolo che hanno in testa e con cui vogliono correre.

LEGO 2K Drive  è un gioco di corse a mondo aperto. Questo normalmente lascia pensare che passeremo la maggior parte del tempo al volante, sia che si tratti di una pista da corsa o di esplorare il grande mondo hub di Mattonia. Il che è vero, ma qui vale solo in parte.

Questo infatti non snatura il gioco dalla sua vena LEGO. Ne consegue che c’è una storia profonda da vivere attraverso un vasto open world: i giocatori viaggeranno attraverso le molteplici regioni di Mattonia che si differenziano per biomi, mentre competono contro una serie di carismatici rivali con la speranza di vincere un giorno l’ambito Trofeo Astrocoppa.

In pratica, il gioco ci porterà da una location all’altra e da una regione all’altra tramite la storia, che ci proporrà di volta in volta sfide diverse. Non solo corse su pista o su sterrato, ma anche su motoscafo e veicoli pazzi.

C’è anche una certa libertà nel modo di giocare, visto che anche se la storia propone degli eventi obbligati, potremo fare tutte le pause che ci pare intrattenendoci in minigiochi, sfide, oggetti da collezionare e grinding. Sì, perché ci sono un sacco di posti da scoprire e cose da distruggere che ci daranno bonus nella forma di soldi e punti xp, o collezionabili da raccogliere.

Di cose da distruggere ce n’è a volontà: a bordo delle strade e sulle colline troveremo NPC con i loro veicoli e talvolta avranno missioni e sfide da proporci. Il sistema è ben implementato e regala soddisfazioni. I veicoli che troveremo sono tratti dalle note collezioni LEGO come City, Creator, Speed Champions e altri ancora.

E poi ci sono anche modalità alternative che permettono di snobbare completamente la storia.

LEGO 2K Drive: come si guida pad alla mano

La guida è soddisfacente e adatta a tutti in LEGO 2K Drive, grazie ai controlli e alla fisica pienamente in stile arcade. Le basi sono semplici da capire: si deve naturalmente sfrecciare alla massima velocità sui circuiti, e un turbo dispensato tramite una barra a riempimento ci aiuta a riprenderci da incidenti e uscite di strada.

I veicoli sono di tre tipi: da strada, da sterrato e imbarcazioni. Possiamo possedere nel garage più varianti di ogni tipologia, ma se non ne possediamo, niente paura: il gioco ci darà dei modelli standard per le tipologie di gare che li richiedono.

Inoltre, solitamente le gare propongono un mix di sezioni di ognuna di queste tipologie, e il sistema cambierà automaticamente per noi il veicolo così come accadeva in Sonic All-Stars Racing Transformed.

LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio

Si può saltare per elevarsi ancora di più nei salti e recuperare power-up, si può derapare esattamente come in Mario Kart – anche se il sistema è un po’ scomodo perché richiede anche la pressione del tasto analogico L3 – e un colpo di freno a mano sarà necessario per affrontare le curve secche e a gomito.

Ovviamente si può anche frenare, ma non ce n’è quasi mai la necessità nelle gare, mentre di più nei mini-giochi.

Se i danni subiti tramite scontri con barriere o altri veicolo sono eccessivi, il nostro veicolo potrebbe anche esplodere, ma non c’è uscita dalla gara: torneremo subito in pista col respawn automatico dopo qualche secondo.

I veicoli sono tutti diversi. Ognuno di essi ha proprietà specifiche e può andare meglio o peggio sui vari tipi di terreno. Poi ci sono degli upgrade e modifiche che si possono applicare per potenziarli e renderli più adatti alle proprie esigenze. Anche il peso ha una sua importanza, negli impatti con gli altri concorrenti e nel prendere o perdere velocità.

I veicoli LEGO 2K Drive hanno quindi statistiche proprie: Velocità massima, Accelerazione, Manovrabilità, Salute, Potenza degli scontri e Peso. Più mattoncini ci sono nel veicolo, più questo diventa pesante, influenzando la Classe di Peso.

LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio

Ciascuna delle sei Classi di Peso, da Molto leggero a Enorme, presenta vantaggi e punti deboli. In ogni caso, tutti i veicoli sono stati pensati per garantire un’esperienza equilibrata.

In pratica, non capiterà mai di scegliere un veicolo che non è in grado di vincere una gara, basta solo capire come guidarli. La guida è sempre fluida e semplice anche coi veicoli più corazzati.

Inoltre, proprio come in Mario Kart, nei percorsi delle gare sono presenti power up casuali che ci offrono armi, scudi o boost turbo. Questi includono un lanciarazzi, mini-bombe, una bomba ad area, una ragnatela per rallentare gli avversari e altro ancora.

Durante gli scontri a fuoco i veicoli perdono salute, che può essere ripristinata rompendo degli oggetti distruttibili che però sono posti ai margini del tracciato, cosa che può rallentare la nostra corsa e farci perdere qualche posizione.

In ogni caso le gare non sono mai troppo difficili ed è improbabile che gli avversari prendano le distanze in maniera irrecuperabile anche dopo qualche fuori pista.

LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio

Modalità di gioco

Le modalità di gioco sono sostanzialmente quattro, e offrono la possibilità di lanciarsi nel gioco senza dover per forza impegnarsi troppo.

La modalità Storia è quella principale e quella che ci propone la carriera di LEGO 2K Drive. Qui il nostro obiettivo è vincere la Coppa finale (l’Astrocoppa), e per guadagnare il biglietto di partecipazione dovrete girare Mattonia, partecipando alle varie gare e sfide proposte lungo il percorso.

Nella maggior parte dei casi, vincere le gare della modalità Storia non sarà mai troppo impegnativo.

La cosa bella della modalità Storia è che si può giocare da soli o in modalità cooperativa a schermo diviso, ideale per due fratelli che possiedono una sola console – che sia PlayStation, Xbox o Switch. Con ogni vittoria, scaleremo la classifica fino a sfidare il famigerato Shadow Z.

LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio

Le  Coppe ci permettono di vivere l’esperienza del Gran Premio in modalità Coppa con una serie di percorsi da affrontare. Dopo ogni gara otterremo punti in base al piazzamento. Al lancio c’era un un Gran Brix con una Coppa per ogni bioma di Mattonia ma i contenuti sono sensibilmente aumentati di stagione in stagione e con il Season Pass.

La modalità Gara parla da sé: corse veloci per partite rapide senza troppi impegni. Qui potete scegliere qualsiasi percorso e livello di Patente di Guida (che determina la velocità complessiva e le abilità disponibili) per iniziare subito a guidare.

Infine ci sono i Minigiochi, che hanno obiettivi unici che non si basano sul superamento del traguardo e la velocità passa in secondo piano per far spazio all’astuzia e alle strategie.

Nei Minigiochi di Difesa è necessario per esempio distruggere ondate di robot o proteggere gli obiettivi da essi, mentre nei Minigiochi di Salvataggio si combattono gruppi di nemici vaganti e si devono salvare cittadini indifesi prima dello scadere del tempo.

Personalizzazione: fantasia LEGO al potere

Il Garage è il luogo in cui si montano i mattoncini LEGO e si creano veicoli di ogni tipo dando sfoggio alla fantasia. Si parte da una base costituita da un telaio, oppure da modelli già assemblati e da lì si procede alle modifiche a proprio piacimento.

Al lancio sono stati resi disponibili ben 1.000 pezzi LEGO racimolabili nel corso dell’avventura, ma coi contenuti post lancio i set sono aumentati e di conseguenza anche le combinazioni di personalizzazione.

LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio

Sono disponibili numerose opzioni di personalizzazione per le creazioni, dalle forme dei singoli mattoncini alle colorazioni, fino a dettagli come il suono del clacson e del motore.

Per fare qualche esempio, potremo sostituire le ruote, cambiare la posizione del sedile del guidatore, aggiungere un tocco personale al veicolo con un adesivo o un elemento luminoso divertente, e molto altro. Potremo creare veicoli pazzi e divertenti, cosa che sicuramente farà felice il pubblico più giovane.

La condivisione delle creazioni è stata ben avviata dopo il lancio e ora è a pieno regime: ad oggi ci sono migliaia di veicoli da scaricare, messi a disposizione dalla community e non è necessario pagare nulla in più. I più scaricati in questo momento sono la Ferrari F40 rossa e la Porsche 911 GT3 della Polizia (statunitense).

Creare i propri veicoli potrà sembrare complicato all’inizio, ma il sistema è ben congegnato e ci guida e aiuta in ogni operazione, quindi dopo un paio di ore si prenderà facilmente la mano.

Sistema che è anche parecchio elaborato, permettendoci di incastrare i vari tipi di mattoncini praticamente come vogliamo e di creare multi strati, supporti, e persino orientare nello spazio le parti mobili come desideriamo.

In pratica, se immaginate qualcosa di pazzo, potrete realizzarlo… con un po’ di tempo e pazienza, si intende!

Creare i propri veicoli non è obbligatorio, e se non vi interessa potete completamente skippare questa parte del gioco e scaricare le creazioni degli altri. Però a nostro avviso la creazione è parte fondamentale dell’esperienza, perché tutto il resto poi diventa presto noioso.

La profondità della parte racing/open world è infatti nettamente minore rispetto a quella di giochi come Forza Horizon o The Crew.

Multiplayer locale, Online e Cross-play

In LEGO 2K Drive è possibile giocare insieme ai nostri amici o ad estranei, a prescindere che siano vicini o lontani. Infatti è supportato il gioco multigiocatore in locale fino a 2 giocatori con split-screen su TV, mentre su Switch c’è la possibilità di giocare con due console Switch sulla stessa rete locale, con ognuno che visualizza il gioco sul proprio schermo.

Passando alle modalità online, si può giocare con tutti i giocatori di tutte le piattaforme grazie al cross-play, disponibile tra le versioni PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox Series X|S, Xbox One, PC tramite Steam ed Epic Games Store.

Si possono fare gare veloci o coppe e tornei e ogni gara ci farà guadagnare punti nel ranking e guadagnare esperienza, e ovviamente anche denaro da spendere nel negozio in-game.

Abbiamo provato diverse gare e il matchmaking è già molto rapido ora, e le cose non potranno che andare meglio quando il gioco sarà offerto gratis col PlayStation Plus.

Le gare sono fluide e su PS5 non abbiamo avuto problemi di lag, a testimonianza dell’ottima infrastruttura di rete.

Come funzionano Drive Pass e Drive Pass Premium in Lego 2K Drive

A partire dall’uscita della Stagione 1 del Drive Pass a giugno, ogni Stagione ha avuto nuove sfide e 100 livelli da giocare per ciascuna.

In ogni Stagione è possibile guadagnare una serie di nuovi premi gratuiti che cambieranno di Stagione in Stagione. Si possono ottenere nuovi piloti, adesivi, decorazioni per veicoli, suoni e molto altro ancora.

2K ha assicurato contenuti sempre freschi e l’introduzione di un bioma totalmente nuovo nel primo anno.

È possibile acquistare il Drive Pass Premium, disponibile per ogni singola Stagione, o il” Drive Pass Anno 1“, un pacchetto che include le versioni Premium delle Stagioni 1-4.

In pratica, come è solita fare 2K, chi paga ottiene più contenuti, spesso di maggior valore. Questo non ci è piaciuto affatto, perché è sempre pericoloso: nei giochi che offrono un online competitivo si apre la strada al pay to win e lo abbiamo visto bene con NBA 2K24.

Quello che invece ci è piaciuto è che le Stagioni del Drive Pass LEGO 2K Drive non hanno limiti di tempo. Questo significa che si può acquistare e giocare ogni Stagione quando si vuole e non si perde nulla se non si gioca per mesi.

Se avete giocato alla versione gratuita di una Stagione e decidete di passare al Drive Pass Premium, si sbloccheranno immediatamente tutti i premi guadagnati in base ai progressi attuali.

LEGO 2K Drive recensione – Un open world non così libero

L’idea di base è buona ma l’implementazione è così forzatamente macchinosa che sembra costringerci a spendere nel negozio e nel Drive Pass. In pratica, il gioco ci dice di poter progredire liberamente facendo le gare che preferiamo, ma poi ci obbligherà a dei percorsi forzati proponendoci mini-sfide, di guadagnare bandiere o di esplorare in modo forzato tramite la storia e personaggi che parlano in continuazione.

Esplorando, spuntano come funghi mini-sfide che ricordano ad esempio le zone derapata e zone di velocità di Forza Horizon 5, solo che sono implementate molto peggio e spesso ci finiamo dentro senza volerlo, e l’uscita da esse non è così immediata.

Inoltre, lo schema di progressione della carriera – che permette di sbloccare veicoli potenzialmente sempre migliori – è forzatamente macchinoso e spesso noioso, forzandoci a ripetere anche gli eventi che non amiamo particolarmente.

I crediti in-game, rappresentati dai dollari, si guadagnano troppo lentamente, e questo forza psicologicamente a pagare il Drive Pass per avanzare più rapidamente o sbloccare automaticamente determinati premi.

LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio

Comparto tecnico e conclusioni

Abbiamo testato la versione PS5 di LEGO 2K Drive e la grafica è superba. I modelli di auto e personaggi sono ben definiti e le texture molto curate, mentre il mondo di gioco è molto curato, colorato, variopinto e risulta sempre denso, pieno di elementi mobili e distruttibili.

Tutto gira fluidamente a 4K e 60fps e raramente ci è parso di incappare in qualche calo di frame.

LEGO 2K Drive è un gioco perfetto per gli amanti dei LEGO, per chi ama costruire e chi ama i giochi frivoli e i racing arcade. Se da piccoli amavate costruire macchinine LEGO, allora è un gioco assolutamente da avere, magari per giocare con i vostri figli e regalargli un gioco che oltre a essere divertente permette loro di sviluppare e mettere a frutto la loro creatività.

La parte open world della Storia è a volte un po’ macchinosa, ma è infarcita di gag e scenette tipicamente di humor LEGO, e chi ha amato The LEGO Movie o i videogiochi LEGO di Indiana Jones, Batman e Star Wars non potrà che amare.

Lo status di perfezione è solo sbarrato dalla stessa 2K, che si dimostra anche qui troppo avida forzandoci a passare ai contenuti premium del Drive Pass e delle Stagioni per velocizzare la progressione e l’accumulo di crediti.

Facebook Comments
LEGO 2K Drive recensione - torniamo sul racing game open world a mattoncini dopo un bel rodaggio
0
Amazing
83100
Pros

Un mondo open world, vario, vasto, colorato e vivo

Gare immediate, semplici e adatte a tutti ma con un buon livello di sfida

Grafica pulita e nitida su PS5

Multigiocatore locale e online con cross-play tra tutte le piattaforme

Cons

Open world che a volte sembra poco libero da esplorare

Il sistema di progressione è lento e macchinoso e spinge a spendere soldi reali nel negozio

Tanti contenuti e nuove sfide a ogni stagione, senza limiti di tempo ma chi paga ottiene di più

Articoli Correlati


© Copyright © 2019 videogiochitalia.it All Rights Reserved

Scroll To Top